Crea sito

Viaggio dal British Blues al Heavy Metal

Le origini dell’heavy metal possono essere ritrovate all’interno del movimento british blues degli anni sessanta,, in particolare tra quelle band che trovarono difficile riadattare la propria musica a quella del classico blues americano. Fu cosi che gli strumenti iniziarono ad avere una maggior importanza nel contesto , soprattutto grazie alle prime Band Hard Rock dei metà anni sessanta come Jimmi Hendrix, the Who o Eric Clapton, i quali anticiparono il genere sia nel sound che nell’attitudine

Tuttavia, furono proprio le band americane della fine del decennio vennero riconosciute come coloro che anticiparono il vero e proprio sound poco prima della sua nascita. Si può dire che diversi gruppi suonavano heavy metal, o qualcosa di molto vicino, già dal primo 1968.

I primi accenni allo sviluppo del genere avvennero nello stesso ’68, e possono essere ritrovati in diverse incisioni risalenti a quel periodo. Tra questi si può sicuramente citare “Summertime Blues” dei Blue Cheer, una vecchia cover di Eddi Cochran. Nel brano, la chitarra acustica della versione originale veniva sostituita con il suono metallico della tanto amata chitarra elettrica accompagnata da percussioni martellanti.

Tra le Band più famose nel mondo del Metal possiamo sicuramente trovare i Metallica, Iron Maiden, AcDc, Gun’s n’ Roses, Band che hanno saputo elevare alla massima potenza il Sound metallico delle chitarre elettriche e delle batterie ma anche saper deliziare i propri Fans con brani melodici e ricchi di significato, come ad esempio Nothing Else Matters dei Metallica, Melodia dolce e rilassante oppure Master of Puppets, brano dal Sound estremo, cattivo!!! puro Metal, ma dal significato importante, infatti IL MAESTRO DEI BURATTINI, o BURATTINAIO era un brano dedito alla lotta a qualsiasi tipo di sostanza stupefacente.

Gli anni 1980-90 sono stati un vero e proprio carico di talenti, di voci impressionanti, di innovazioni e…. di nuovi generi musicali, legati all’ambito del Rock, e comunque a prescindere a qualsiasi ambito musicale, troviamo gli immortali della musica psichedelica, i PINK Floyd, per non dimenticare anche i Rolling Stones, di Dire Straits, i Nirvana, i Black Sabbath, i Megadet, gruppi apparentemente con sound diversi ma legati imprescindibilmente all’ambito ROCK e alla musica immortale!

come accennato nelle righe precedenti, bisogna sfatare il mito del Rocker maledetto e perennemente drogato, il Rock è una musica dura alle orecchie, energetica, piena di carica ed adrenalina, ma ricca di significati, spesso i testi, se letti e tradotti, possono avere dei significati speciali, favolosi da sentire se accompagnati da chitarre elettriche e batterie che vanno a 1000 all’ora, ma da brividi se letti e compresi nel loro totale.

Vincenzo Marrocchini per Voi MiamiVinz